Calendar

Feb
17
Lun
Giornata internazionale del gatto
Feb 17 giorno intero
gatto

Giornata mondiale del gatto

Il 17 Febbraio è il giorno dell’anno dedicato al più infedele degli animaletti da compagnia, il gatto. La festa del gatto venne introdotta nel 1990 da un referendum proposto ai lettori della rivista “Tuttogatto”.

La giornalista ideatrice dell’iniziativa, Claudia Angeletti, chiese appunto ai lettori di indicare il giorno più consono da dedicare alla festa dei mici, e la risposta scelta fu appunto il 17 di Febbraio. Ecco le motivazioni :

  1. Febbraio dal punto di vista zodiacale è legato al segno dell’acquario, il segno dell’intuito, della libertà  e dell’anticonformismo; caratteristiche tipiche dei gatti!
  2. Nel nord Europa il numero 17 ha un valore benefico, che significa anche “Vivere una vita sette volte”
  3. Se si scrive in numeri romani ” XVII ” e si fa l’anagramma si ottiene “VIXI” , parola latina che significa “HO VISSUTO”; e chi più di un gatto, titolare di 7 vite, può dire di aver vissuto?

Nel territorio le iniziative per festeggiare i felini crescono di anno in anno: mostre, fiere, mercatini, spettacoli, vengono promossi da città , associazioni ed enti al fine di festeggiare e sancire ancor di più l’amore che molti nutrono per il gatto.

fonte www.laboo.biz

Feb
27
Gio
Giornata mondiale dell’orso polare
Feb 27 giorno intero

Il 27 febbraio è il Polar Bear Day, la Giornata internazionale dell’Orso Polare. Creature forti, capaci di resistere alle bassissime temperature dei Poli ma anche molto fragili, minacciati dalle conseguenze dei cambiamenti climatici e dello scioglimento dei ghiacciai. Una specie a rischio, che sta facendo le spese della pesante impronta umana sulla Terra.

Orso Polare

Suo malgrado, infatti, l’orso polare è diventato proprio il simbolo della lotta ai cambiamenti climatici e dei catastrofici impatti sul nostro pianeta, a partire proprio dal Polo Nord.

Per gli orsi dell’Artico la lotta per la sopravvivenza si contrappone al più grande problema ambientale del nostro tempo, contro il quale questi animali non possono fare molto se non nulla.

Negli ultimi 30 anni abbiamo perso tre quarti della calotta polare e sono anni che il centro di ricerca statunitense National Snow and Ice Data Center registra un preoccupante record negativo dell’estensione della calotta artica. Pare che non se ne possa più uscire: il riscaldamento globale scioglie i ghiacciai che aiutano a raffreddare la temperatura della Terra, rendendo il nostro pianeta ancora più caldo.

Gli orsi, purtroppo, stanno sperimentando gravi effetti. Sono cambiate le loro abitudini alimentari, ad esempio. Per la prima volta essi si sono visti costretti a mangiare i delfini.

OrsoPolare02

Ma c’è di peggio. Sempre più immagini mostrano orsi polari denutriti, costretti a scavare tra i rifiuti per trovare il cibo o addirittura morti di fame. Un’immagine triste è quella della fotografa Kerstin Langenberger che in un’isola dell’arcipelago delle Svalbard, nel Mar Glaciale Artico, ha fotografato un orso magrissimo, emaciato.

 

fonte greenme.it

Mar
3
Mar
Giornata mondiale della fauna selvatica
Mar 3 giorno intero

La Giornata Mondiale della fauna selvatica, è stata celebrata per la prima volta in tutto il mondo nel 2014 per ricordare la più importante convenzione internazionale sul commercio di specie in via di estinzione, è un’opportunità per la comunità internazionale per celebrare il mondo vegetale e animale proprio in un momento in cui si raddoppiano gli sforzi per proteggerli, dichiara il WWF che accoglie con favore i recenti traguardi raggiunti nella Conferenza di Londra in merito al contrasto del commercio illegale. Il WWF ricorda però quanto ci sia ancora da fare in vista di un futuro in cui le persone possano realmente vivere in armonia con la natura .fauna selvatica

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha indetto la celebrazione del 3 marzo per sensibilizzare sul Valore Natura, ovvero, quanto specie animali e vegetali selvatici contribuiscono allo sviluppo sostenibile e al benessere umano. La giornata, che segna la firma della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche in via di estinzione (CITES ) nel 1973, sottolinea anche l’urgenza di combattere i crimini contro la fauna selvatica, a partire dai massacri di elefanti, rinoceronti, tigri.

“Le creature selvatiche che popolano ancora la Terra portano meraviglia e bellezza nella nostra vita, sono l’essenza vitale di foreste, prati, fiumi e oceani e dai servizi ecosistemici che forniscono dipendono le nostre economie e la nostra società. La fauna selvatica ha bisogno del nostro riconoscimento e della nostra protezione “, ha dichiarato Jim Leape , direttore generale di WWF Internazionale

fauna selvaticafonte www.wwf.it

Mar
23
Lun
Giornata mondiale delle tartarughe
Mar 23 giorno intero

Il 23 marzo si celebra la Giornata Mondiale delle Tartarughe, per promuovere il rispetto e le conoscenze su questi antichi rettili e la consapevolezza sul pericolo di estinzione di numerose specie di tartarughe e la scomparsa del loro habitat naturale in tutto il mondo. Le tartarughe esistono da 200 milioni di anni, ma stanno rapidamente scomparendo come numero e come specie in conseguenza dello sfruttamento dell’industria alimentare e dei souvenir, del commercio come animali da collezione, dell’inquinamento e della distruzione degli ambienti naturali. Molte specie si sono recentemente estinte, o stanno per estinguersi, e moltissime altre sono destinate a scomparire nei loro habitat di origine entro i prossimi decenni.

  • Ecco cosa potete fare concretamente per aiutare le tartarughe, sia libere che in cattività.OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • Non comprate mai tartarughe in negozi, fiere e mercati, perché ne incrementereste lo sfruttamento commerciale.
  • In particolare, non comprate mai tartarughe di cattura, perché ne compromettete seriamente la sopravvivenza come specie.
  • Non raccogliete tartarughe dal loro habitat, sia in Italia che all’estero (in particolare nei Paesi dei Balcani e del nord Africa). Non solo non è etico, ma rischiate anche multe severissime.
  • Se avete la possibilità di gestirle in modo adeguato, adottate le tartarughe nate in cattività che i proprietari hanno in sovrannumero, o quelle abbandonate.
  • Se trovate una tartaruga ferita, raccoglietela e avvertite il Corpo Forestale dello Stato o portatela da un veterinario per le cure di emergenza.
  • Individuate i negozi per animali presenti nella vostra zona e distribuite materiale informativo della AAE sulla loro corretta gestione. Molti negozianti non hanno le minime conoscenze di base di gestione e alimentazione degli animali che vendono, e danno ai clienti informazioni fuorvianti o errate. Se sono presenti animali in vendita, controllate che siano tenuti in modo corretto; in caso contrario, parlatene con il gestore. Se osservate condizioni di evidente maltrattamento, fate una denuncia se il negoziante non accetta di rimediare alla situazione. Potete parlarne con i vigili, i carabinieri o il servizio veterinario dell’USL chiedendo un’ispezione.
  • Informatevi sulle problematiche relative alla conservazione delle specie in pericolo e sostenete le associazioni a protezione della natura.
  • Prima di adottare una tartaruga, o se già ne possedete, studiate con cura quali sono le loro necessità di gestione, per fornire loro le condizioni migliori possibili.
  • Se non potete più tenere una tartaruga non abbandonatela per nessun motivo, ma affidatela ad un’associazione protezionistica.
  • Educate i bambini fin da piccoli al rispetto di tutti gli animali, compresi i rettili, e fate capire loro che sono esseri viventi capaci di soffrire come noi.

turtlefonte: http://aaeweb.net

Apr
21
Mar
Giornata mondiale della migrazione dei pesci
Apr 21 giorno intero

Si celebra il 21 aprile in tutto il mondo la Giornata mondiale della migrazione dei pesci, un evento importante per l’ambiente ma ancora poco conosciuto e trascurato (talvolta deriso) soprattutto da parte delle istituzioni che gestiscono i fiumi ed i torrenti.

Dighe, briglie ed opere fluviali in genere, sbarrano i corsi d’acqua ed impediscono ai pesci migratori di risalire ai luoghi dove sono nati per riprodursi (spesso morendo poco dopo, come è il caso dei salmoni del nordeuropa) e dare continuità alla specie.

migrazione pesci 01

E’ quindi un è un evento globale di un giorno per creare consapevolezza sull’importanza dei fiumi aperti e dei pesci migratori e promuovere la costruzione di “scale di risalita” che permettano il passaggio dei pesci. Si tratta di opere molto importanti per la difesa della biodiversità, che la Protezione Animali savonese è riuscita negli anni scorsi a far rendere obbligatorie in Liguria e che, nell’ultima revisione delle norme sulla pesca nelle acque interne sono state confermate (Legge regionale 8/2014, art. 18, comma 4: “gli interventi sul corso d’acqua che possano ridurre in maniera temporanea o permanente la continuità del medesimo prevedono la realizzazione di accorgimenti per il passaggio dei pesci”).

In alcune regioni italiane il WORLD FISH MIGRATION DAY viene celebrato con visite delle scolaresche ad alcune delle poche scale di rimonta finora realizzate. In Liguria invece l’evento è ancora trascurato; i pesci d’acqua dolce sono infatti considerati solo « materiale » ittico a disposizione ed uso dei, per fortuna sempre meno, pescatori cosiddetti « ricreativi », cioè coloro che, credendo corretto il loro contatto con la natura, si siedono lungo un torrente o un lago e lanciano l’amo per catturare una povera bestia che morirà poi asfissiata in un secchio con due dita d’acqua. E per procurare loro prede, spesso a pagamento, vengono immessi ogni anno tonnellate di avannotti o giovani pesci d’allevamento, che stanno soppiantando la preziosa fauna ittica originaria.

migrazione pesci 02

fonte http://www.savonanews.it

Apr
25
Sab
Giornata mondiale dei pinguini
Apr 25 giorno intero

Icone dell’Antartico, star del cinema accanto a Mary Poppins o in Happy feet, dove hanno usato il ballo sfrenato per attirare l’attenzione dalle Nazioni Unite ed ottenere la protezione del proprio habitat, i pinguini hanno festeggiato il 25 aprile la Giornata mondiale dei Pinguini e giorno di inizio della loro migrazione annuale.

Numerose le associazioni ambientaliste che cercano di reclutare seguaci e adesioni agli appelli e alle campagne lanciate anche a livello internazionale. Fra queste Greenpeace e’ scesa in campo lanciando una petizione per proteggere i pinguini chiedendo di costruire i due piu’ grandi santuari del mare in Antartico.

Un’area che rappresenta il 10% dei mari del mondo, la piu’ incontaminata riserva marina rimasta sul pianeta. E in questo modo non si proteggeranno solo i pinguini ma anche balene, foche e circa diecimila altre specie.Pinguini

Ma i pinguini non vivono solo in ambienti freddi. Ce ne sono 18 specie in tutto e tutte vivono nell’emisfero meridionale: dodici specie solo fra i ghiacci dell’Antartide sino alle acque della Nuova Zelanda, mentre altre quattro fra Africa australe e Sud America dove possono trovarsi ad affrontare anche alte temperature; le rimanenti si trovano fra Australia e Nuova Zelanda. Il pinguino delle Galapagos e’ quello che vive piu’ a nord di tutti, avendo oltrepassato l’equatore.

Ogni anno il 25 aprile si celebra la giornata di questi popolari e carismatici uccelli marini che pero’ non volano, camminano dondolandosi goffamente e scivolano velocemente con la pancia sui ghiacci, con le ali che fungono da pinne con cui nuotano abilmente e velocemente, tanto da raggiungere anche i 25-30 chilometri orari sott’acqua.

fonte www.ansa.it

Apr
26
Dom
Giornata mondiale del cane da soccorso
Apr 26 giorno intero

La Giornata mondiale del cane da soccorso ricorre dal 2008 I.R.O., nell’ultima domenica del mese di aprile (nel sito abbiamo indicato il 26 aprile per convenzione), celebra l’importanza del cane da soccorso in tutto il mondo. Anche UCIS, rinnovando il suo impegno nel promuovere la cultura e l’impegno in favore della cinofilia da soccorso, in occasione della prossima giornata celebrativa del 28 aprile 2019 invita tutti i suoi associati a ricordare e promuovere sul territorio l’importanza del ruolo svolto dai cani da soccorso che, quotidianamente, vengono impiegati in tutto il mondo a sostegno dell’attività dell’uomo nel salvare vite umane.

fonte: www.ucis.org

Apr
27
Lun
Giornata mondiale del tapiro
Apr 27 giorno intero

La Giornata mondiale del tapiro, che si celebra il 27 aprile,  è stata indetta per aumentare la consapevolezza riguardo alle specie di tapiro che popolano il Centro e Sud America e il Sudest asiatico, nonché per raccogliere fondi per comprare terra e proteggerlo così dall’incontro con gli esseri umani.

tapir

fonte www.tapirday.org

Apr
28
Mar
Giornata internazionale per la salvaguardia delle rane
Apr 28 giorno intero

Dal 28 aprile 2009, si celebra la Giornata mondiale delle rane. Il “Save the frog day” ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sullo stato di questo anfibio, sui rischi che corre e sugli sforzi fatti per la sua conservazione.

rana-blu,-foglie-verdi-169976Infatti, circa 1/3 della popolazione mondiale delle 6.468 specie di anfibi è a rischio di estinzione e, negli ultimi decenni, almeno 150 specie sono già  scomparse. Secondo la Lista Rossa dell’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, in Italia, l’11% delle specie rientra nella categoria “minacciato criticamente”, l’11% nella categoria “minacciato” ed il 21 % nella categoria “vulnerabile”.

Scarsità  d’acqua, inquinamento ed uso dei pesticidi, scomparsa degli habitat, urbanizzazione, cambiamenti climatici e introduzione di specie aliene, queste alcune delle cause che stanno mettendo a rischio la sopravvivenza delle rane.

Salvare questo anfibio è di fondamentale importanza per la biodiversità . Oltre pulire l’acqua dalle alghe, infatti, le rane mangiano diversi tipi di insetti e sono loro stesse un importante anello della catena alimentare. Grazie alle loro pelle, che assorbe facilmente sostanze chimiche potenzialmente dannose, sono inoltre degli ottimi bio indicatori degli equilibri dell’ambiente che le circonda.

fonte: www.ecoblog.it

Mag
9
Sab
Giornata mondiale degli uccelli migratori
Mag 9 giorno intero

La Giornata mondiale degli uccelli migratori si celebra il secondo fine settimana di maggio (qui per convenzione abbiamo indicato il 9 maggio) e si tratta di una campagna di sensibilizzazione a livello globale che, a partire dal 2006, promuove annualmente la salvaguardia degli uccelli migratori e dei loro habitat naturali. L’iniziativa è organizzata dalla Convenzione sulle Specie Migratrici (CMS) e dall’Accordo sulla Conservazione degli Uccelli Acquatici Migratori dell’Africa-Eurasia (AEWA). – See more at: http://www.minambiente.it/comunicati/10-e-11-maggio-giornata-mondiale-degli-uccelli-migratori#sthash.EVqQwxwh.dpuf

migratori01

fonte www.minambiente.it

Mag
20
Mer
Giornata mondiale delle api
Mag 20 giorno intero

L’Onu indice la Giornata mondiale della api

L’Assemblea generale della Nazioni Unite ha deciso che dal 2018 il 20 maggio sarà la giornata mondiale delle api. Gli Stati che fanno parte dell’Assemblea hanno infatti accolto una proposta della Slovenia che ha voluto ricordare a tutti l’importantissimo ruolo svolto da questi insetti. La risoluzione è stata co-sponsorizzata da 115 Stati membri delle Nazioni Unite, tra cui Stati Uniti, Russia, Canada, Cina, India, Brasile, Argentina, Australia e Unione europea.

api02

Giornata mondiale della api, insetti fondamentali ma in pericolo

Non solo infatti le api producono miele, ma sono anche fondamentali per l’impollinazione di moltissime specie. Si definiscono insetti pronubi e per colture come il mandorlo, lo zucchino e il peperone svolgono un ruolo fondamentale rendendo possibile l’impollinazione e la formazione dei frutti.

Giornata mondiale della api, insetti minacciati dall’uomo

La loro sopravvivenza è però minacciata, dicono gli esperti, dall’antropizzazione del loro habitat e dall’utilizzo degli agrofarmaci, sostanze impiegate in agricoltura per difendere le piante commerciali dai patogeni e dagli insetti, ma che hanno un effetto negativo sulle api. All’interno dell’Unione europea si é discusso moltissimo sui neonicotinoidi, sostanze utilizzate per la concia delle sementi che secondo alcuni studi sarebbero una delle cause della moria di api che sta colpendo l’occidente.

api03

Giornata mondiale della api, in Cina api quasi scomparse

Basti pensare che in Cina, a causa dell’inquinamento, le api sono scomparse dalle campagne e l’impollinazione delle colture, come il melo, viene affidata alla mano umana. Migliaia di operai si arrampicano con delle scale sulle piante per spolverare di polline i fiori e permettere in questo modo la formazione dei frutti. Per questo la Giornata mondiale delle api dovrà servire come monito ai governi per promuovere leggi a favore di questo importante insetto.

fonte: www.affaritaliani.it

Giu
21
Dom
Giornata mondiale delle giraffe
Giu 21 giorno intero

Il 21 giugno a partire dal 2014 si celebrala Giornata mondiale della giraffa, istituita dalla Giraffe conservation foundation (Gcf) con l’obiettivo di raccogliere fondi per proteggere le giraffe.

giraffa-5È uno degli animali più bizzarri del pianeta, nonostante la sua mole enorme non suscita paura ma simpatia, per via di quel collo sproporzionato, di quelle zampe smisurate e di quelle buffe corna. Parliamo del mammifero più alto del mondo, parliamo, ovviamente, della giraffa.

I ricercatori impegnati in progetti di conservazione della giraffa chiedono alla Iucn (l’Unione mondiale per la conservazione della natura) di modificare lo status delle giraffe che compaiono nella Lista rossa delle specie minacciate. La giraffa è infatti presente solamente tra le specie “a rischio minimo”, mentre due delle nove sottospecie sono considerate “in pericolo estinzione”. La specie più minacciata è la giraffa del Niger (Giraffa camelopardalis peralta), di cui esistono in natura meno di 300 esemplari.

Il principale “predatore” della giraffa è dunque l’Homo sapiens, anche perché in natura i predatori, principalmente grandi felini come leoni e leopardi, ma anche iene e coccodrilli, riescono ad avere la meglio solo contro esemplari malati, vecchi o troppo giovani. Una giraffa adulta, nonostante la sua espressione bonaria e quasi stolida, è in grado di sferrare poderosi calci capaci di sfondare il cranio di un leone senza difficoltà.

fonte: http://www.lifegate.it

Giu
26
Ven
Giornata mondiale del cane in ufficio
Giu 26 giorno intero

Si celebra ogni ultimo venerdì di giugno (sul sito abbiamo scelto il 26 giugno convenzionalmente) il “Take Your Dog to Work Day” ovvero la Giornata mondiale dei cani in ufficio, l’occasione annuale per andare al lavoro con i propri quadrupedi del cuore.
L’evento è nato nel 1996 nel Regno Unito grazie all’interessamento dell’associazione Pet Sitters International.

cane in ufficioI dati emersi dallo studio avrebbero evidenziato una condizione idilliaca: la presenza dei cani sul posto di lavoro garantirebbe maggiore produttività e, al contempo, uno stress inferiore. Ne gioverebbe la soddisfazione professionale a fronte di un rinnovato spirito di collaborazione. Circa 750 i partecipanti al test che hanno confermato positivamente l’opportunità, risultando maggiormente appagati e felici dalla presenza di Fido accanto ai loro piedi. Secondo i dati emersi, la presenza dell’animale di affezione spronerebbe il personale ad aumentare l’impegno quindi la produzione stessa. Inoltre alcune delle aziende dove è stato effettuata l’iniziativa sarebbero disposte in futuro ad accogliere animali domestici.

fonte www.greenstyle.it

Lug
29
Mer
Giornata mondiale della Tigre
Lug 29 giorno intero

Si celebra il 29 luglio la Giornata Mondiale della Tigre, il più grande felino del pianeta, nonché una delle specie oggi più a rischio. Solo 3.200 esemplari sopravvivono in natura, così come sottolinea il WWF, per una popolazione ridotta del 97% rispetto a un secolo fa.

Una giornata di celebrazioni e di eventi, anche nell’universo dei social, per sensibilizzare sul più maestoso dei felini, entrato di diritto nell’immaginario comune come simbolo della natura selvaggia: la tigre. Nel 2010 si contavano in libertà 3.200 esemplari e, dopo 5 anni, il dato è sempre più incerto. Tre delle nove sottospecie sono già estinte, mentre oggi il pericolo maggiore è per la tigre di Sumatra, vittima del bracconaggio nonché della distruzione dei suoi habitat naturali.

tigre

La Giornata Mondiale della Tigre si celebra in tutto il mondo con azioni mirate per ogni nazione, sempre con l’obiettivo di raggiungere il traguardo del raddoppiamento dei felini entro il 2020. Per l’Italia è in corso una campagna social, con la diffusione di dati e foto sulla tigre, disponibili sulla pagina apposita di WWF Italia nonché sui social con gli hashtag #TigerDay e #doubletigers.

fonte www.greenstyle.it

Ago
12
Mer
Giornata mondiale dell’elefante
Ago 12 giorno intero

Il 12 agosto è la Giornata mondiale dell’elefante. Nata da una idea della filmmaker canadese Patricia Sims e della Fondazione per la reintroduzione degli elefanti, l’iniziativa punta a richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla condizione di questi grandi mammiferi.

Elefante04

Sono in pericolo gli elefanti?

Sia in Asia che in Africa la situazione degli elefanti rimane estremamente difficile. Altre notizie su worldelephantday.org

Gli elefanti asiatici sono considerati in pericolo di estinzione, dato che ne sono rimasti solo 40.000 in tutto il mondo.

Gli elefanti africani sono in “posizione vulnerabile”, secondo le associazioni protezionistiche.

Il Wwf sostiene che agli inizi del XX secolo si contavano cinque milioni di elefanti africani. Ora sono poco più di 300.000.

Elefante02

Cosa minaccia gli elefanti?

La caccia di frodo e il contrabbando di avorio sono i principali nemici degli elefanti. Per gli esperti sono anche le cause dirette della rapida riduzione del numero di capi.

L’avorio è stato messo al bando nel 1980, ma il Wwf avverte che il fenomeno del bracconaggio rimane significativo in molte aree del continente.

In Asia vivono meno elefanti che in Africa, e per loro il pericolo principale viene dalla crescita delle aree urbane, delle zone destinate all’agricoltura intensiva, alla deforstazione su larga scala.

Dal 1950 a oggi la popolazione di elefanti in Asia è diminuita del 75 per cento, secondo il sito Worldelephantday.org.

L’India, che con 30.000 esemplari ha la popolazione più numerosa, registra un ritorno del contrabbando di avorio, pratica che dopo 20 anni ha ripreso vigore soprattutto nello Stato del Kerala

Elefante03

Cosa si è fatto per risolvere il problema?

Gli attivisti per i diritti degli elefanti puntano ad iniziative di risonanza mondiale che possano creare forti pressioni e scoraggiare la diffusione del contrabbando di avorio.

Negli Usa, il mese scorso, il presidente Obama ha varato un piano per contrastare il commercio illegale di avorio.

Iniziatove simili sono attese in Cina, uno dei paesi indicati tra gli acquirenti dell’avorio illegale sin dal 1951.

Worldelephantday.org ha ottenuto riforme legislative in paesi come la Thailandia, e questo ha permesso di ridurre dell’85 per cento la quantità di avorio illegale disponibile nel paese.

 fonte it.euronews.com